Art in Light

art in light

Marset e Sudestasi Contemporanea aprono il 2020 con una collaborazione che porterà all’interno dell’esclusivo showroom Marset, in Via dell’Annunciata, 29, Milano, un ciclo di quattro mostre nelle quali i curatori Angelo De Grande e Ciro Salinitro creeranno degli ambienti unici dove opera d’arte e luce danno vita ad atmosfere esclusive in un lussuoso ambiente domestico.

La novità che colpisce è la particolarità dell’allestimento: un elegante appartamento situato nel cuore dello storico quartiere di Brera dove l’esclusivo design catalano delle lampade Marset incontra le opere d’arte di grandi artisti contemporanei come Andrea Ventura, Giuseppe Ragazzini e Paolo Greco, che saranno i protagonisti delle tre mostre personali. In più è prevista una collettiva durante il Salone del Mobile, che porterà in anteprima a Milano una accurata selezione di artisti siciliani del collettivo Sudestasi Contempoanea.

Grazie a Marset, arte e design sono dunque proposti con una soluzione stilistica del tutto innovativa che immergerà i visitatori in una accogliente e raffinata atmosfera do- mestica, per vivere le opere d’arte in un contesto del tutto nuovo, ma caloroso e fami- liare allo stesso tempo. L’inconfondibile design Marset crea non solo delle lampade dall’estetica esclusiva ed innovativa, ma danno vita a dei giochi di luce intensi, grazie ai quali i curatori metteranno in risalto delle opere d’arte uniche, molte delle quali pre- sentate al pubblico per la prima volta. Da qui l’idea di coniugare artisti che dei contrasti luministici fanno la propria cifra stilistica con le splendide soluzioni proposte da Marset.

“Vogliamo che il nostro pubblico viva l’arte nel migliore dei modi, suggerendo al contempo nuove idee per rimodulare il proprio ambiente e ge- nerare suggestive atmosfere. Da qui l’idea di coniugare artisti che dei contrasti luministici fanno la propria cifra stilistica con le splendide soluzioni proposte da Marset.”


A. De Grande e C. Salinitro
Curatori

12 marzo – 17 aprile, “Radial” di Paolo Greco

Paolo Greco, per la prima volta a Milano, presenterà la sua personale dal titolo “Radial” in onore dello pneumatico radiale, di cui fa largo uso nelle sue opere. Queste ultime si pre- sentano come brandelli strappati, bruciati, che come carne viva emergono dalla superficie quasi a voler fuggire. Altre volte l’abbraccio del copertone avviluppa il supporto e ne diven- ta parte integrante, come se volesse trattenerne l’energia. Due dinamiche apparentemen- te opposte che racchiudono un’unica mente, quella di un uomo in tensione tra una realtà materiale e una spirituale. Greco ha fatto dello pneumatico un mezzo espressivo molto potente e materico con risultati di indubbio fascino. Celebre nel circuito artistico siciliano, vanta molte mostre collettive e personali nell’Isola.

_DSC7841 ok
_DSC7850
_DSC7854ok
_DSC7833 mmm
_DSC7832 copertina


Facebook


Instagram

Demetrio Di Grado | Zeitgest Project

Un bel giorno di maggio Zeitgeist Project insieme a Demetrio Di Grado iniziano a lasciare un segno per le vie di Ragusa, Vittoria, Scoglitti e Comiso. 

Sono passati anche per la nostra via Torrenuova per preannunciare la mostra “Kind” di Demetrio Di Grado a cura di Francesco Piazza che sarà ospite qui da noi il 29 settembre! 
Se ve la siete persa a febbraio alla Galleria d’Arte Contemporanea Giuseppe Veniero project di Palermo e a maggio al KōArt: unconventional place di Catania, avete un’altra chance!

«TENTAZIONI IRRESISTIBILI – Collage on wood door 180×120 –

Tu promettimi che, quando perderò la calma, sarai vicino a me. Il coraggio è come un’arma. Abbi cura di te, perchè la città ti schiaccia. Solo credere in te, è la cosa che ti salva. Perchè ? Mai per caso… Nulla accade, nulla accade, nulla accade!»

Demetrio Di Grado

 

Zeitgeist Project è una piattaforma in cui si incontrano diversi linguaggi artistici per creare un’opera d’arte inedita, frutto di dialogo e confronto, auspicio per ogni periodo storico di ricerca e sperimentazione culturale.

Ecco un breve riassunto della giornata trascorsa insieme a Demetrio Di Grado. Video di Antonio Turco.